Jump to content
Sign in to follow this  
Rozzilla

[ 1 - 2 - 3 Marzo 2013 ] Special Trained 2 - 42H - Sardegna (Laconi)

Recommended Posts

Le mie foto

 

l_DSCN7383.jpg

 

l_DSCN7384.jpg

 

 

l_DSCN7385.jpg

 

 

l_DSCN7390.jpg

 

 

l_DSCN7391.jpg

 

 

l_DSCN7392.jpg

 

 

l_DSCN7393.jpg

 

 

l_DSCN7394.jpg

 

 

l_DSCN7395.jpg

 

 

l_DSCN7397.jpg

 

 

l_DSCN7398.jpg

 

 

l_DSCN7399.jpg

 

 

l_DSCN7400.jpg

 

 

l_DSCN7401.jpg

 

 

l_DSCN7402.jpg

 

 

l_DSCN7403.jpg

 

 

l_DSCN7404.jpg

 

 

l_DSCN7412.jpg

 

 

l_DSCN7417.jpg

 

 

l_DSCN7421.jpg

 

 

l_DSCN7423.jpg

 

 

l_DSCN7425.jpg

 

 

l_DSCN7426.jpg

 

 

l_DSCN7427.jpg

 

 

l_DSCN7428.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

l_DSCN7429.jpg

 

 

l_DSCN7430.jpg

 

 

l_DSCN7431.jpg

 

 

l_DSCN7432.jpg

 

 

l_DSCN7433.jpg

 

 

l_DSCN7434.jpg

 

 

l_DSCN7435.jpg

 

 

l_DSCN7436.jpg

 

 

l_DSCN7437.jpg

 

 

l_DSCN7438.jpg

 

 

l_DSCN7439.jpg

 

 

l_DSCN7440.jpg

 

 

l_DSCN7442.jpg

 

 

l_DSCN7443.jpg

 

 

l_DSCN7444.jpg

 

 

l_DSCN7445.jpg

 

 

l_DSCN7446.jpg

 

 

l_DSCN7447.jpg

 

 

l_DSCN7448.jpg

 

 

l_DSCN7449.jpg

 

 

l_DSCN7450.jpg

 

 

l_DSCN7451.jpg

 

 

l_DSCN7452.jpg

 

 

l_DSCN7453.jpg

 

 

l_DSCN7454.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

“Non ti par strano guardare questi scaffali, vedere gente al bar in giacca e cravatta e stare al caldo?”

 

Con queste parole siamo entrati nel primo autogrill di ritorno dalla Special Trained 2013.

Sembravamo quasi spaesati, increduli, come se questi ultimi 4 giorni avessero cancellato tutto quello che “siamo sempre stati”.

 

Purtroppo però questa avventura è volata troppo velocemente.

 

Imbarcati a Genova il giovedì sera, come in ogni appuntamento che si rispetti, ci troviamo al piano bar della nave con gli Amici di sempre.

Come amo sempre dire, il viaggio è già una parte fondamentale di un evento, e quando ci si muove verso la terra Sarda questo viene amplificato all’ennesima potenza.

Amo stare seduto sulle poltroncine della nave a ridere, scherzare e raccontare gli aneddoti degli eventi passati mentre il mare ci culla portandoci verso “l’sola che non c’è”, verso quell’avventura che aspettiamo da mesi come i bambini aspettano il Natale.

Ovviamente i riti sono sempre gli stessi.

Il più bello per me è quello dei discorsi che affrontiamo sdraiati in quel letto a castello microscopico prima di addormentarci.

Il buio della stanza e il movimento della nave sembrano invogliare a “confessarci”, a svuotarci di tutti i problemi e di tutti i pensieri prima di attraccare nell’ ”isola magica”.

 

Arrivati a destinazione i ragazzi dei Sardinia Island ci accolgono in maniera meravigliosa, è sempre bello conoscere di persona chi hai sempre “visto virtualmente” e riabbracciare invece chi si conosce da tempo.

 

L’evento comincia, per me e altri quattro Zarruele, in contro.

Il nostro pensiero però sarà SEMPRE rivolto al team d’interdizione Zarruele che è in attacco.

Il tempo è davvero inclemente, vengo in Sardegna sperando di prendere un po’ di sole ma mi va decisamente male.

Vento molto forte, temperatura assestata sempre intorno allo 0 e pioggia incessante (Il venerdì anche una spruzzatina di nevischio).

 

E’ stata dura, sia per i ragazzi in attacco ma anche per tutte le persone coinvolte in contro.

Credo che questo sia stato uno svantaggio da un lato, ma uno GROSSO vantaggio da un altro.

Credo che una situazione meteorologica del genere unisca ancora di più l’affiatamento dei gruppi.

Ho visto una contro sempre pronta ad aiutarsi, a lavorare per il proprio compagno a fianco (Quindi non per forza dello stesso club) e unita come non mai.

Ho visto team di interdizione alla fine della loro “missione” abbracciarsi, piangere, ridere e gridare di gioia.

Ho visto la rabbia di chi si è fatto male perché “non voleva abbandonare i suoi compagni” sotto un diluvio del genere.

Ho visto davvero tante cose che raramente mi erano capitate di vedere in un unico evento.

Per me questo è il tanto “decantato” Hard Soft-Air, un’unione di emozioni, forti e intense.

 

La degna conclusione di tutto ciò è il pranzo di coesione di fine evento.

Qui la tensione, il freddo e soprattutto la fame vengono azzerati.

In questo momento siamo tutti uguali, tutti sotto lo stesso tetto, tutti un’unica grande “fazione”, interdizione e contro.

I sorrisi, i brindisi e gli abbracci sono padroni di questo momento.

Nessuno potrà mai cancellare tutto questo dalla mia testa.

 

Ancora oggi, passati 3 giorni, continuo a ripensare al magnifico week-end vissuto.

Il merito va solo ed esclusivamente ai ragazzi dei Sardinia Island che si sono “messi in gioco” per creare un evento magnifico che rimarrà per sempre rinchiuso nel mio cuore.

 

In conclusione, come nei titoli di coda di un film (il mio film), vorrei salutare e ringraziare alcune persone:

 

- Un abbraccio a Hannibal, girare con te in FIR durante la notte è stato uno spasso!

- Un abbraccio a Matteo, a Sioux, a Prown, a Gianni, a Fabio, a Rookie, a Viper e a Boomer che ho rivisto con grande piacere!

- Un abbraccio a Dexter e a Sguitch per l’arduo compito che hanno svolto.

- Un abbraccio a Borderline perché mi ha fatto morire dal ridere! biggrin.gif

- Un abbraccio a Predator, grazie di tutto!

- Un abbraccio a Save perché è una persona meravigliosa e ha un cuore gigantesco!

- Un abbraccio al mitico Gianfranco per l’operatività nel svegliare il radiologo di turno, fosse capitato a me sarei ancora li ad aspettare! biggrin.gif

- Un abbraccio a Jones e ai suoi ragazzi!

- Un abbraccio ai ragazzi dei “The Unit”!

- Un abbraccio a Merlo che finalmente ho avuto il piacere di incotrare!

- Un abbraccio a Salvatore del BTJO!

- Un abbraccio a tutti i ragazzi dello Stealth Team, in particolar modo a Maurizio!

- Un abbraccio ai miei grandi Amici/Cugini del Clan Battlemech! (Se dico altro Mirko poi smette di giocare biggrin.gif )

- Un abbraccio ai mitici ragazzi dei Tactical Team, in particolar modo ai mitici Osso e Gatto!

- Un abbraccio ai ragazzi degli ASAT!

- Un abbraccio ai ragazzi dei Pathfinder Platoon!

- Un abbraccio ai miticissimi Indians di Ascoli, capitanati dal mio grande eroe Giulk!

- Un abbraccio ai ragazzi del Seal Team, operativi e cazzutissimi come sempre!

 

Qui i titoli di coda sono finiti ma nel mio film c’è anche la classica “scena finale”, la “ghost track” che non ti aspetti.

Quando tutti stanno per alzarsi e uscire dalla sala ecco che appare altro:

 

- Un grosso abbraccio a Daniele “Barone” perché mi ha trattato come un Re, volendomi sempre al suo fianco facendomi sentire “uno di loro”. Sono davvero contento che il destino ci abbia fatto incontrare. Grazie per tutto quello che hai fatto, è stato un vero Onore per me. Grazie, grazie e ancora grazie. Non aggiungo altro perchè "già sai".

 

- Un bacio “hot” ( biggrin.gif ) ai miei Fratelli di sempre, la 17^ Rangers. Non sto a scrivere nulla perché sapete già tutto, sapete quanto siete importanti per me e per tutti gli Zarruele. Unica pecca di sempre è Ansia!!! Quando veniamo fotografati insieme è sempre un casino per me! Vi prego di non taggarmi mai perché se no poi i miei amici dicono che esco con persone brutte! biggrin.gif

 

- Per finire un grosso inchino ai miei ragazzi, gli Zarruele.

 

Grazie a tutti!

The End

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cacchio!!!!!! ho visto solo oggi la marea di foto fatte in Sardinia spero vi siate divertiti, peccate però per un paio di foto veramente scandalose di due esseri abbracciati. Chiedo a tutti mi devo preoccupare????

Ciao Gianni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×