Jump to content


[7-8 Giugno 2014] Operazione Prometheus - 24H - Indians Ascoli


  • Please log in to reply
1 reply to this topic

#1 Rozzilla

Rozzilla

    THE WORM - Untore SILVER

  • ADMIN
  • 19,141 posts

Posted 10 June 2014 - 04:39 PM

Apro il post per raccogliere foto e debriefing.
-Presidente Zarruele Soft Air Team Saronno-

 

#2 Rozzilla

Rozzilla

    THE WORM - Untore SILVER

  • ADMIN
  • 19,141 posts

Posted 18 March 2015 - 01:54 PM

PALMIANO, 7-8 Giugno 2014


Ooooooohhhhh my Gosh! Al solo pensiero mi fanno male le gambe ...... per non dire poi la sensazione di disidratazione; sfido chiunque a sostenere il contrario.
Ma andiamo con ordine.
Una tranquilla serata agli albori del mese di maggio, inizia l'avventura marchigiana; ci troviamo in sede, il solito “quarto d'ora” accademico (che poi un quarto d'ora non è ....... è sempre di più) di saluti e battute, e poi giù a capofitto nella pianificazione dell'evento.
Lettura del book e studio della cartina ...... in men che non si dica, il sorriso si spegne e la serietà prende il sopravvento.
Ragazzi, questo torneo sarà TITANICO (e non solo perché incontreremo i Titani); fase recon e fase combat a fasce orarie ben definite e con contatti ben definiti, il tutto su un territorio angusto. Come affrontiamo il torneo ? Uniti ? Divisi ? E se divisi, in quanti brick ? In due ? In quattro ? È difficile intuirne l'esito, in quanto è complicato comprenderne il giro.
Con estrema sofferenza la decisione viene presa: ci si dividerà in coppie per l'intera durata della fase recon e successivamente ci si ritroverà per affrontare la fase combat.

Arriva la vigilia e si parte per Palmiano.

Subito un plauso agli organizzatori per la gestione degli arrivi delle squadre di interdizione: fantastico parcheggio con spazi dedicati alle diverse SPARTAN. Complimenti.
A seguire, controllo ASG e briefing con tutti gli interditori prima e i singoli TL poi.
Ore 10:00 si inizia.
Uno sguardo tra di noi (senza proferir parola) vale più di 1000 discorsi. “A più tardi ragazzi, al punto di rendez-vouz”.
Sotto un cielo terso e un sol leone (che non si vedevano dall'agosto 2013), iniziamo la fase recon.
L'avvicinamento ai POA stabiliti è tutt'altro che semplice; il territorio presenta dei dislivelli più impegnativi di quanto immaginavamo, un sottobosco abbastanza fitto e la mancanza di sentieri completa il quadro. Nonostante queste difficoltà e il caldo sempre più aggressivo, la fase recon è stata per noi un sogno bellissimo da vivere.
Otto occhi posizionati in due punti diversi sul lato Ovest della strada-obiettivo rappresentavano i satelliti per i brick dislocati sul lato Est.
Sembrava di essere in un film: “Bravo da Alfa, portarsi alle coordinate xxxxx. Avvistato potenziale obiettivo da ricognire”.
Per ben due volte i nostri satelliti hanno condotto i brick sugli obiettivi da esplorare.
Previa comunicazione con Spartan Leader, finisce qui la nostra fase recon e inizia la lunga camminata che porterà i 4 brick al punto di rendez-vous.
Che emozione incontrarsi, stare di nuovo tutti insieme; la gioia che ne scaturisce affievolisce la fatica accumulata fin qui. Ora basta con il sentimentalismo, abbiamo una missione da compiere.
La pattuglia si mette in marcia seguendo le coordinate prestabilite, obj Campo Prigionia. Nel tragitto passiamo abbastanza vicini all'obj Check Point e questo nuovo scenario costringe la pattuaglia a modificare il proprio percorso. Six e Chiaro procedono con il rilevamento coordinate e rilevamento fotografico mentre il resto della squadra (Roz, Flower, Gilez, Ent, Ace, Nox) prosegue il cammino verso una pineta in cima ad una collina, dove è stato stabilito il punto di ricongiungimento con il brick impegnato con i rilevamenti.
È in questa pineta che accade il fattaccio: Six mette male un piede per terra e forte distorsione alla caviglia. Risultato: torneo finito per lui e per Roz, al quale va il compito di accompagnare Six al Pronto Soccorso.
Una sensazione di sconforto è subentrata immediatamente in ognuno di noi; la gioia di essere tutti insieme è durata veramente poco e che dire della doppia amarezza di aver perso Six e Roz in un colpo solo.
Perdere una battaglia non vuol dire perdere la guerra, quindi gambe in spalla e si riprendere la missione. Un cambio di programma è però tassativo; a malincuore si decide di abortire l'obj Campo Prigionia e si decide per il ritorno verso l'obj 0.
Il sole cala e con il favore del buio iniziamo l'avvicinamento al primo obiettivo individuato durante la fase recon.
Epocale, mi viene da dire solo, Epocale!
Nascosti ai margini del bosco, attendiamo il passaggio della contro che pattuglia il tratto di strada davanti a noi. Individuare quanti Tango e la loro posizione è relativamente semplice grazie al visore notturno di Chiaro, l'attraversamento, però, non lo è altrettanto, perché la contro effettua ronde molto intense. Bene così, comunque.
Fitte comunicazioni tra Ent e Chiaro, un attimo di attesa e arriva l'ok del TL; la squadra si muove all'unisono in direzione di un pratone tutto in salita che permetterà al Team di prendere una posizione favorevole rispetto alla tenda obiettivo.
Fase di studio, richiesta di finestra d'ingaggio a Spartan Leader e all'ora X inizia avvicinamento alla tenda dal lato Est. Pochi minuti e si odono dei colpi di ASG; qualcosa è successo ma nessuno dei nostri è partito all'attacco. Un'altra interdizione ??
Ci fermiamo a meno di 15mt dalla tenda, chiediamo nuova finestra di attacco e ci congeliamo per ben 45 minuti in attesa del nostro turno.
Che emozione essere così vicini e così invisibili.
Ok è il nostro momento, Nox riceve il comando e insieme ad Ace si entra nella tenda alla ricerca di Chimera mentre il resto della pattuglia è in copertura.
Frenesia a mille e adrenalina alle stelle.
Tra mille flaconi, Nox trova il reagente C6NHNO e le provette; 2 gocce di reagente in ogni provetta e dopo aver agitato, quella di color blue è la provetta con Chimera. Trovata. Via via, allontanarsi dalla tenda prima che la contro ci possa scoprire.
Contenti del nostro operato, impostiamo la prossima destinazione: un obj combat sempre lungo la strada-obiettivo. Effettuata l'intera procedura richiesta dal game, iniziamo cazzuti l'ingaggio che però non andrà a buon fine; un operatore della contro nascosto nel bosco risulta difficile da scovare anche con il visore notturno e quando Chiaro lo intravede è troppo tardi anche per lui. Ingaggio Finito.
Riprendiamo la marcia verso l'obj Laboratorio di ricerca. Arrivati sul luogo, prendiamo contatti e ci viene data luce verde per l'ingresso. Previa spiegazione degli arbitri, Gilez, Ent, Flower e Chiaro fanno irruzione nella casa. Scenario apocalittico; suoni, fumo e luci strobo rendono difficile la missione. Complimenti all'organizzazione, un obj ben fatto. Non si potrà dire lo stesso del nostro risultato.
Nel nostro mirino ora c'è l'obj Radar. Nel tragitto passiamo vicino all'obj Cimitero senza saperlo e senza accorgercene, mentre più avanti vinciamo un ingaggio con una contro.
La stanchezza però è ormai tanta e senza il favore del buio perdiamo l'ingaggio all'obj Radar.
Il tempo si sta esaurendo; dobbiamo iniziare a pensare all'esfiltrazione, così iniziamo il lungo cammino verso di essa che avverrà nell'intorno delle ore 08:00.

Un primo pensiero a caldo ?? che campo durissimo, bello ma durissimo.

Grazie, grazie, grazie di cuore agli organizzatori e ai Fratelli Zau.
Con la regia di Giulk e i suoi ragazzi sarebbe stato impossibile noleggiare un brutto film!

-Presidente Zarruele Soft Air Team Saronno-