Jump to content
Zarruele Soft-Air Team Saronno
Sign in to follow this  
Rozzilla

Punto Zero: Operazione Tezcatlipoca – 48H – 8 / 9 / 10 Giugno 2012

Recommended Posts

Abbiamo il piacere di informarvi che si svolgerà l'evento su invito Punto Zero: Operazione Tezcatlipoca. Evento realizzato in collaborazione fra i gruppi 17^ Rangers SAT di Badalucco e Zarruele SAT di Saronno.

Nel caso in cui i Team invitati non riuscissero ad intervenire e dato che ogni anno cerchiamo di inserire, nel limite del possibile, gruppi diversi, l’organizzazione potrà decidere di invitare i Club che avranno dimostrato interesse bloccando un posto in questo topic.

 

 

 

 

Locandina.jpg

 

 

Sito degli organizzatori:

 

http://www.17rangers.it/Rangers/

 

http://www.zarruele.com/

 

Sito Evento: http://www.punto0.net/

 

Data evento: 8 / 9 / 10 Giugno 2012

 

Durata evento: 48h effettive

 

Numero partecipanti per team: 6

 

Tipologia evento: Recon / Sabotaggio

 

Impegno Tecnico / Fisico: Elevato

 

Luogo: In fase decisionale

 

Ulteriori informazioni: Evento non competitivo , Manifestazione ad inviti .

Share this post


Link to post
Share on other sites

PUNTO ZERO: DA QUI, INIZIA IL FILM...

 

Un breve riassunto delle operazioni "Genesi 2011" e "Tezcatlipoca 2012"

 

Un evento unico mette a repentaglio l'integrità dell'intero pianeta.

L'ombra nera di un gigantesco meteorite chiamato 2002NT7 è in procinto di scontrarsi contro la crosta terrestre.

Dopo l'allarmismo degli stati industrializzati del pianeta, la corsa agli approvvigionamenti da parte della popolazione e le soluzioni inefficienti proposte dagli eserciti, cala il silenzio dei mass media su quello che è stato il più grosso errore di valutazione della storia moderna.

Infatti, solamente un piccolo e secondario frammento di meteorite si scaglia a velocità folle verso il nostro pianeta fino a colpirlo nei pressi di un piccolo villaggio chiamato "Triorah", nello stato del Karen, nella zona orientale del Myanmar, al confine con la Tahilandia.

Il villaggio è in una zona boschiva isolata e comandata dal leader religioso locale, Rozzillosky.

Gli abitanti di quell'area, agricoltori e pastori, non sanno nulla di quello strano frammento di roccia scura piovuto dal cielo e lo venerano come fosse un segno di Allah.

Ma Rozzillosky invece, ha già capito che il materiale extraterrestre in questione potrebbe avere delle proprietà uniche, non comuni a nessun materiale di cui disponiamo sul pianeta terra.

È in seguito a questa intuizione che Rozzillosky contatta l'unico proprietario di una importante multinazionale operante nell'ambito medico: il Dott. Daniel Hensia.

Egli, sfruttando il pretesto di voler studiare il materiale per applicarlo in ambito ambulatoriale e chirurgico, vola personalmente a Triorah e stringe un importante accordo: in cambio di protezione armata ( sono molti quelli che vorrebbero metter le mani sull'oggetto ) e di un piano di sviluppo economico per il villaggio, la compagnia di Hensia potrà liberamente circolare sul territorio di Triorah e fissare in pianta stabile i propri laboratori di studio.

 

Ma la verità descritta è ben diversa da quella reale.

 

Il Dott. Hensia è, in realtà, un rispettato e temuto produttore di armi e la sua compagnia, la BSW Inc. "Best Strategic Weapon Incorporated", volge i propri sforzi verso la creazione di nuovi missili a lunga gittata e armi di nuova generazione.

Il meteorite ha proprietà energetiche ed esplosive assolutamente straordinarie e Hensia ha tutti i mezzi tecnologici per incamerarle e venderle a favore del miglior offerente.

Una vera rivoluzione per i terroristi bramosi di potere a qualunque costo.

Il Dott. Von Ponch, uno scienziato al soldo di Hensia e scopritore della formula segreta per l'utilizzo dello speciale materiale, una volta appresa la vera destinazione dei suoi studi, si ribella al sistema e rende pubblica la notizia tramite messaggi pressochè telegrafici ed ermetici destinati ad un prete ospite del villaggio di Triorah.

Von Ponch era controllato e non aveva altro modo per far trapelare qualche notizia se non tramite gli incontri con il prete.

Facile intuire che entrambi i personaggi, in queste condizioni, diventano immediatamente molto importanti.

 

Da questo contesto nasce la richiesta d'intervento delle Special Forces impiegati in una missione, non ufficiale, denominata "Operazione Genesi" ( evento organizzato nel 2011).

La squadra d'interdizione dovrà infiltrarsi in territorio ostile e, mantenendo un totale occultamento, dovrà prendere contatti con il prete, recuperare le necessarie informazioni sull'area controllata da Hensia ed effettuare opportune ricognizioni profonde sugli obj sensibili.

La squadra dovrà affrontare 48 ore effettive in area operativa senza sostegno alcuno, in piena autonomia, senza luoghi amici sicuri e con ogni condizione climatica.

Preso atto che i contractor assoldati da Hensia sono ben armati ed addestrati, risulta chiaro che ogni errore commesso non resterà certo impunito.

L'obiettivo più importante della squadra delle SF è quello di localizzare il luogo di detenzione del meteorite e minarlo con del C4 con innesco a tempo.

Una volta compromesso lo speciale materiale, i progetti del Dott. Hensia crolleranno come castelli di sabbia e tutto il mondo industrializzato potrà tirare un sospiro di sollievo.

 

Ma qualcosa è andato storto.

 

Dopo un attento esame dell'orario dei cambi di guardia e dopo aver accuratamente scansionato le comunicazioni radio avversarie, la squadra è pronta per dare avvio al blitz distruttivo del laboratorio scientifico e di tutto il suo pericoloso carico di morte.

Il brik sierra rimane all'esterno dell'edificio, in copertura.

Il brik alfa si infiltra nello stabile e piazza le cariche.

Ma durante le operazioni di preparazione dei detonatori, alcuni contractor giungono sul posto e lo scontro a fuoco è inevitabile.

La fuga è l'unica soluzione per non compromettere l'intera missione.

Un uomo rimane ucciso in combattimento.

A poco serve la disperazione del comandante di squadra, il capitano Clear, la verità innegabile è che l'ordigno è stato trovato e disinnescato dagli artificieri e il meteorite continua a destare gravi preoccupazioni.

Un'anno dopo, nel corso di una ricognizione aerea da parte di un F22 Raptor alleato, accadde quanto di più insperato.

Un missile SAM aggancia e abbatte il velivolo che, nel frattempo, aveva fotografato qualcosa che avrebbe potuto giustificare un intervento ufficiale del governo.

I dati raccolti rimangono però racchiusi nel dispositivo blindato di stoccaggio contenuto nella carlinga dell'aereo caduta in zona ostile e il codice di accesso a tale apparato è custodito dal pilota, anch'esso paracadutatosi in zona ostile ed in pericolo di vita.

Ogni tentativo di contatto radio è nullo ma riceviamo i segnali di rilevamento dai rispettivi gps di sicurezza.

Occorre intervenire subito!

È da questa spaventosa situazione che viene dato il via all'operazione "Tezcatlipoca" (evento organizzato a Giugno 2012).

Una squadra d'interdizione verrà infiltrata in zona ostile e avrà a disposizione 48 ore per recuperare tutte le informazioni necessarie allo smantellamento dell'attività terroristica e, se possibile, per distruggere in maniera mirata le fonti di produzione illegali di armamenti controllate da Hensia.

Anche in questo caso, la squadra dovrà agire in pieno occultamento e favorendo i movimenti notturni ( Tezcatlipoca è il dio azteco della notte ).

Non ci saranno zone amiche, nè aiuti dall'esterno.

Il pericolo sarà costante per tutte le 48 ore e potrebbe giungere da 360 gradi.

In caso di ingaggio, la priorità della squadra sarà quella di defilarsi e, in caso di cattura, di raccontare al meglio una storia di copertura valida e ben documentata.

Gli obiettivi principali ed immediati consistono nel repentino incontro con il pilota al fine di prestare soccorso, prepararlo per l'esfiltrazione e recuperare i codici in suo possesso.

Successivamente raggiungere il relitto della carlinga e recuperare le immagini FLIR scattate durante il volo che sveleranno le posizioni delle due batterie SAM che difendono lo spazio aereo sopra Triorah.

Per consentire l'avanzata dell'elicottero necessario all'esfiltrazione sarà importante riuscire a minare una delle due batterie e utilizzare il fumo dell'esplosione come Initial Point della chiamata CAS 9 Line ( Close Air Support ) destinata al bombardamento della seconda batteria SAM.

Ovviamente questa operazione andrà compiuta solo in fase di esfiltrazione e solo dopo aver liberato lo spazio aereo sarà possibile far atterrare l'elicottero.

Altri obiettivi importanti consistono nell'identificare ed infiltrarsi all'interno dell'ufficio di Hensia per acquisire dati sensibili, identificare e minare la fabbrica di armi e sabotare la macchina di Hensia tramite carica esplosiva in dotazione.

Sul territorio inoltre sarà presente ( a sorpresa per gli interditori ) un velivolo UAV modello Predator in grandezza reale che sarà da minare, oltre al campo base e alle caserme dei contractor da recognire tenendosi a debita distanza ( la presenza della controinterdizione è più che mai consistente in queste aree ).

 

Punto Zero ha cercato, per quanto possibile, di ricreare al meglio una situazione reale e per questo ha richiesto agli interditori di immedesimarsi in un film estremamente coinvolgente.

I team intervenuti non avevano alcun vincolo di luoghi orari ad eccezione dell'infiltrazione e dell'esfiltrazione ed è grazie a questa premessa, oltre al fatto che l'area è rimasta effettivamente operativa per 48 ore, che la pianificazione era assolutamente libera da ogni condizionamento.

In queste condizioni la vera sfida di ogni operatore è quella con sè stesso.

Pianificare senza trascurare i dettagli, applicare sul campo gli schemi scelti, reagire agli imprevisti ed adattarsi al mutamento della missione, il tutto con la costante sensazione di essere braccati per 48 ore scandite dalle mutevoli condizioni atmosferiche.

È in quei momenti che si comprende al meglio l'importanza delle proprie condizioni fisiche ma sopratutto della propria forza interiore!

 

Invito alla lettura dei debriefing scritti dai partecipanti per sapere come hanno pianificato la loro missione e se hanno avuto successo.

Impossibile poi non proseguire chiedendosi: e io, come avrei affrontato il Punto Zero?

Da qui, inizia il film...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok ragazzi io ne ho prese 3 copie, 1 io 1 Chiaro e 1 Boo (visto che avevate scritto di volerla). Comunque all'edicola dell'Auchan ne hanno un cassetto pieno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×